La vita è meraviglia

Home / Appunti / Eclissi o giochi?

Eclissi o giochi?

Oggi ho finito la prima serie del diario. Così. 13 puntate bastano per dare un’idea della storia.

Perchè lo faccio?!? Non lo so. Perchè lo leggi?!? Non lo so.

Forse la monotonia della vita mi da la sensazione che ogni piccolo scostamento possa portare chissà quali novità.

Io in questi giorni farò un giochino. Semplice. Mi serve per rilassarmi. Giocare con le parole. Perchè giocare è l’unica cosa che mi fa sorridere stamattina. Dopo una notte difficile, dove i miei pensieri hanno preso forma e hanno eclissato il bel sole di oggi. Mi succede. Ahimè. Sono molto peggio di quello che scrivo e questo oramai l’ho tatuato sotto pelle.

Se lo vuoi fare poi ci troviamo al famoso bar con campari e senza secondi fini e ce lo scambiamo. Non ti preoccupare se non ti senti capace, tanto la cosa bella del giocare è che sei tu l’unica a sapere se lo hai fatto davvero. E come al solito il gioco non ha regole nè obblighi, puoi anche imbrogliare o non farlo.

1. Prendi la lettera che odi di più.

2. Scrivi 7 emozioni con quella lettera. 3 positive, 1 neutra e 3 negative

3. Prendi il verbo che ami di più.

4. Scegli la città estera più brutta che hai mai visto.

5. Scrivi il nome maschile della persona che più ti ha sorpreso nella vita e il nome femminile della persona che ti è più indifferente.

6. Prendi un anno in cui hai vissuto l’emozione più forte.

7. Scegli il bar più bello in cui sei mai stata

 

Ti faccio il mio esempio

1. R

2. Rimpianto – Ricordo – Rancore – Rimorso – Respingere – Rivedersi – Rotolarenellettoconladonnacheami

3. Girovagare

4. Potburi

5. Daniele – Lucrezia

6. 2014

7. Il bar della piazza di Volpaia

 

Adesso scrivi una storia o immaginala che contenga tutte queste cose. La storia non può essere più lunga di 313 parole o durare più di 3.31 secondi in testa mentre te la racconti.

 

P.s. io facendo questo gioco, anche solo ora, sto già un po’ meglio. Si non sono proprio sanissimo di mente, ma sto lavorando per migliorare. Da quasi 30 anni ormai.

 

Ecco la mia storia

Ho rimpianto di non aver respinto prima Daniele, mai sentito veramente il ricordo di Lucrezia

Se mi rotolassinellettoconladonnacheamo non avrei rancore verso le donne che odio?

Non credo. La mia testa è piena di scimmie come le vie di Potburi. Che merda!

Tutto è strano come nel 2014, quando rimorso e rimpianto si son fusi in un stupendo girovagare tra emozioni belle come il rivedersi e città belle come Volpaia, bevendo vino toscano in un bar silenzioso sulla piazza più bella del Chianti.

BUON DIVERTIMENTO

 

To get the latest update of me and my works

>> <<