La vita è meraviglia

Home / Appunti / Un diario per te – Ep. 06

Un diario per te – Ep. 06

Il bere soli ha diversi significati. Io, da ragazzo, lo pensavo una cosa da alcolizzati.

Ora regala emozioni sempre nuove. Bere da solo mentre aspetto un amico o bere solo mentre aspetto di tornare a letto hanno due gusti differenti.

Entrambi piacevoli.

Oggi più che un amico aspettavo lei. La donna per cui sto facendo qualsiasi cosa in questo periodo.

Una continua caccia a nuove idee e pazzie che possano convincerla che ne vale la pena.

Che poi io sono sicuro che ne vale la pena. E per questo la cerco in maniera così insistente e artistica.

O almeno, penso, artistica.

Non è come le altre. Lo sento. Lo so.

E il fatto che sia venuta lo conferma. E il mio silenzio. Il mio imbarazzo. Il mio sembrare di legno conferma che non sono così bravo di persona come su una tastiera. Mi sarei ucciso. Mi son sentito un pupazzo di neve al sole. Impacciato e in procinto di sciogliermi. Lei invece così leggiadra. Quando cammina sembra volare. Quando parla sembra cantare. Quando si muove sembra sempre ballare.

Mi volevo tagliare la bocca e le mani. Sarei rimasto fino alle 4 di notte con lei. Ma poi quando la vedevo parlare con amici e avventori del bar non mi sono sentito all’altezza. E sono scappato. Quasi senza salutare. Senza parlare. In maniera impacciata. La mia.

È così bella che non riesco a dormire. Chiudo gli occhi e vedo i suoi bottoni di cioccolato, Il sorriso accogliente, Il suo corpo, la gioia che emana e il calore che sprigiona anche senza sfiorarla. Provo a dormire. Provo a non pensarla. Provo. Il sonno mi sfiora ma non mi prende. Devi scrivere. Mi alzo. Inizio a scrivere.

 

 

To get the latest update of me and my works

>> <<